Comunicato stampa n. 1 - Rally 1000 Miglia


  • 18/05/2017
  • 97

Milano, 18 maggio 2017

La Venere di Samotracia

Chissà come l’avrebbe descritta D’Annunzio, vedendo sfrecciare lungo la salita del suo Vittoriale in occasione del 41° Rally 1000 miglia in programma a Salò nel prossimo fine settimana “un’automobile da corsa con il suo cofano adorno di grossi tubi simili a serpenti dall’alito esplosivo” così come l’aveva definita Marinetti, poeta futurista e, come lui, amante della velocità e delle imprese dal valore storico.

Il buon Gabriele avrebbe certamente alzato anch’egli le braccia al cielo e confuso tra la gente l’avrebbe paragonata in bellezza alla statua della Vittoria di Samotracia che, guarda caso, per anni e’ stata scelta a simbolo dalla nostra Federazione come suo trofeo assoluto.

Passato, presente. Nello sport dell’automobile, nelle strade del Bresciano sono periodi che si fondono e si confondono nei colori della passione e della tradizione. La carovana delle vetture che partendo da Brescia sta rievocando la 1000 Miglia classica sembra quasi voglia rappresentare Il passaggio di testimone alla sua più moderna e rinnovata edizione e che, trasformata oggi in Rally valido WRC Italia voglia affidare ai vari Albertini, Pedro, Signor, Porro e Pedersoli l’onere e l’onore di accompagnarlo verso un suo logico futuro.

Anche Ford Racing Italia vorrà essere protagonista e riscoprire il fascino, con i suoi tre equipaggi  composti da Testa/Bizzocchi, Bergantino/Grimaldi, Baccega/Oberti di  percorrere con le loro Ford Fiesta R5 e WRC le prove mitiche quali  “Cavallino”: caratterizzata da una serie allucinante di tornanti in successione; “Conventino”, che si snoda come serpe tra gli uliveti affacciati  sul lago come balcone  fiorito;  la veloce “Provaglio  Val Sabbia” e la storica “Livemmo”  che con i suoi 18 chilometri  sarà la più  lunga ed impegnativa prova dell’ intero tracciato che,  esordendo con la  prova spettacolo del  Kartodromo di Lonato   si snoderà per un totale di 400 km  nelle giornate di  venerdì 26 e sabato 27 maggio prossimi.

Abbiamo  lasciato  l’Elba, prima gara di questo  campionato  solcando un mare azzurro,  chiusi nel pugno di un moderno traghetto;  e nel gioco magico delle trasferte, ci  ritroviamo ora  ad  attraccare  sulle rive di un lago, altrettanto limpido, altrettanto azzurro, in una continuità di impegni agonistici, economici e fisici che hanno comunque sempre, ed in ogni modo, come finalità, oltre che all’ esaltazione dei valori dello sport, anche quello del rispetto e del territorio e della sua valorizzazione.

Il lungo lago Zanardelli sarà il nostro palcoscenico. Cunettone incastonerà le assistenze, il Porto di Portese ci accoglierà per le nostre soste ed i riordini. Saranno due giorni di sport, economia e spettacolo. E “le automobili ruggenti che sembrano correre sula mitraglia”, come dice Marinetti, saranno per tutti noi, poeti o non, certamente tanto   belle quanto la famosa statua di Pitocrito.

Ufficio Stampa
FORD Racing

Condividi su